Battesimi

Avesa – Celebrazioni del battesimo

  • Domenica 20 dicembre 2020 – ore 12.00 dopo messa
  • Domenica 10 gennaio – festa del Battesimo del Signore (messa ore 11.00)
  • Domenica 28 febbraio – II di quaresima – ore 12.00 dopo messa
  • Sabato 3 aprile – ore 21.00 Veglia Pasquale
  • Domenica 16 maggio (messa ore 11.00)
  • Sabato 20 giugno ore 16.00
  • Domenica 11 luglio – ore 12.00 dopo messa
  • Domenica 12 settembre (messa ore 11.00)
  • Sabato 10 ottobre ore 16.00
  • Domenica 21 novembre (messa ore 11.00)

Montecchio di Negrar

  • Sabato 3 aprile – ore 21.00 Veglia Pasquale
  • Montecchio: per gli altri periodi dell’anno, ci si accorda con il parroco riguardo la data del battesimo, se nella messa (quella festiva delle 10.30) o con sola celebrazione del battesimo.

A causa dei posti limitati in chiesa nella fase di emergenza contenimento Covid-19, per il battesimo durante la messa non possono esserci più di una decina di parenti (oltre ai genitori e ai padrini).

Per i battesimi non nella messa, i parenti possono essere di più.

Informazioni sul Battesimo cattolico 

Il Battesimo

Il Battesimo è il sacramento a fondamento di tutta la vita cristiana, la porta d’ingresso alla vita nello Spirito, che apre l’accesso agli altri sacramenti. 

Mediante il Battesimo siamo liberati dal peccato e rigenerati come figli di Dio, diventiamo membra di Cristo; siamo incorporati alla Chiesa e resi partecipi della sua missione. 

  Catechismo Chiesa Cattolica  1213

La richiesta del Battesimo comporta anche l’assunzione in prospettiva futura dell’educazione cattolica.

Il nome cristiano

Dio chiama ciascuno per nome.Il nome di ogni uomo è sacro. Il nome è segno simbolo della persona. Esige il rispetto, come segno della dignità di colui che lo porta.

Nel Battesimo il nome del Signore santifica l’uomo e il cristiano riceve il proprio nome nella Chiesa. Può essere il nome di un santo, cioè di un discepolo che ha vissuto con esemplare fedeltà al suo Signore. Il patrocinio del santo offre un modello di carità ed assicura la sua intercessione. Il “nome di Battesimo” può anche esprimere un mistero cristiano o una virtù cristiana. I genitori, i padrini e il parroco abbiano cura che non venga imposto un nome estraneo al senso cristiano.

Il nome ricevuto è un nome eterno. Nel Regno di Dio, il carattere misterioso ed unico di ogni persona segnata dal nome di Dio risplenderà in piena luce. 

Catechismo Chiesa Cattolica 855, 2156 – 2159

I padrini (non necessari)

Possono assumere questo compito unuomo o donna o due padrini di sesso diverso 

Essi rappresentano la Chiesa, a loro spetta aiutare i genitori nell’ educazione alla fede

 I requisiti necessari circa la loro idoneità sono: 

  • Essere legittimamente e spontaneamente designati dai genitori 
  • Avere 16 anni
  • Avere ricevuto il Battesimo e la Cresima  
  • Condurre una vita conforme alla fede e all’incarico da assumere (non sono ammessi a quest’incarico i divorziati risposati)

Allegati